PROGETTO DI RESTAURO DELLA ROCCA BONCOMPAGNI

Il Castello di Vignola, uno dei più importanti complessi fortificati dell’Emilia Romagna, proprio per le sue caratteristiche e per lo stato conservativo è stato scelto per la definizione di un “Progetto di manutenzione programmata tipo” dal titolo La Rocca, museo di se stessa. Idee e progetti per la valorizzazione di un grande patrimonio. Progetto, questo, articolato in un vasto piano di indagini, a tempi medio-lunghi, propedeutici ad ogni intervento di restauro e di manutenzione ed attivato in collaborazione con le Università di Venezia, Roma, Modena e Reggio Emilia e ad altri vari specialisti. Il piano presentato nel 1999 alla proprietà, ha preso avvio effettivo solo nel 2003 ed è in parte ancora in corso. Ciò ha conseguito il rilievo dell’intero complesso, lo studio delle fasi costruttive con l’istituzione, per due anni,  di un campo-scuola estivo archeologico, la mappatura dell’impiantistica esistente, l’analisi dello stato di conservazione delle decorazioni parietali di ogni ambiente, delle condizioni microclimatiche, della funzionalità degli infissi, verifiche di tipo strutturale, dello stato delle coperture, delle fonti di illuminazione naturali e artificiali, l’accessibilità ai diversamente abili. La somma dei dati e delle indagini elencate, sono state poi la base degli interventi in corso o in programma. Tra questi si segnala per importanza, l’intervento alla Cappella interna, meglio nota come “di Uguccione Contrari”, dove oltre all’intervento manutentivo ai pregevoli affreschi del XV sec. sono stati studiati impianti per il controllo ambientale nonché nuovi sistemi di illuminazione.

Collaboratori
Arch. Francesca Ferrari
Arch. Silvia Marra 

Committente
Fondazione Cassa di Risparmio di Vignola  

Luogo
Vignola  

1999 - 2013